Diritti e Doveri dei Viaggiatori

Condizioni di viaggio

SCARICA PDF

Estratto delle condizioni generali di viaggio sulle autolinee

È fatto obbligo ai Clienti di attenersi scrupolosamente al seguente regolamento, emanato per la sicurezza e la regolarità del servizio.

  • Orari al pubblico: gli orari esposti al pubblico possono subire variazioni anche durante il loro periodo di validità. Gli orari di passaggio alle fermate sono indicativi in quanto possono essere variabili in funzione delle condizioni di traffico. L’Azienda declina ogni responsabilità per le conseguenze derivanti da ritardi, perdute coincidenze, scioperi ed, in genere, per qualsiasi evento che deriva da cause non dipendenti dalla propria organizzazione.
  • Titoli di viaggio: il passeggero a bordo deve possedere uno dei titoli di viaggio vigenti validi per il percorso che deve effettuare o uno dei documenti ammessi alla libera circolazione dalle norme vigenti. Il titolo di viaggio è personale e non è cedibile, deve essere conservato integro per tutto il tempo della sua validità. Il passeggero è tenuto ad esibirlo ad ogni controllo eseguito dal personale di servizio al quale il passeggero non può rifiutarsi di documentare le generalità se richieste e, in mancanza, di fornirle a voce.
  • Validità dei titoli di viaggio: i titoli di viaggio devono essere convalidati appena saliti sul bus, a bordo del primo veicolo (nel caso di titoli di viaggio cumulativi a zone in partenza da Milano occorre timbrare sia sul primo mezzo di Milano, sia sul primo mezzo interurbano), mediante le obliteratrici di bordo. Gli abbonamenti (settimanali, mensili, annuali) in corso di validità devono essere accompagnati dalla tessera di riconoscimento. Nel caso di abbonamenti mensili SITAM deve essere indicato il percorso da-a effettuato; nel caso di abbonamenti SITAM caricati su tessera elettronica (esclusi annuali) lo scontrino cartaceo di avvenuta ricarica deve essere obbligatoriamente conservato dall’utenza e mostrato al verificatore in caso di controllo. Qualora l’obliteratrice di bordo fosse non funzionante il passeggero è tenuto a segnalarlo al conducente.
  • Sanzioni: La violazione di una o più delle condizioni sopra richiamate dà luogo alla sanzione amministrativa disciplinata dalla Legge 24.11.1981 n.689 s.m.i. secondo le disposizioni determinate dalla Legge Regione Lombardia 04.04.2012 n.6 modificata ed integrata dalla Legge Regione Lombardia 10.12.2013 n.18, con applicazione degli importi riportati nella tabella sotto indicata:

Sanzione amministrativa 155,00 €

(pari a 100 volte il costo del biglietto di classe minima sistema tariffario SITAM)

TEMPISTICA DI PAGAMENTO

IMPORTO

SPESE

AMMINISTRATIVE

COSTO

BIGLIETTO

TOTALE

Se pagata oltre 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica

155,00

In base alla tratta origine destinazione

155,00 + bigl.

Se pagata entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica

52,00

15,00

In base alla tratta origine destinazione

67,00 + bigl.

Se pagata entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica

36,00

15,00

In base alla tratta origine destinazione

51,00 + bigl.

Se pagata all’atto della contestazione

36,00

In base alla tratta origine destinazione

36,00 + bigl.

Se l’utente è titolare di abbonamento che non è in grado di esibire all’atto del controllo e dimostra il regolare possesso entro 5 giorni dalla contestazione presso uffici di San Vittore Olona

15,00

15,00

Eventuali ricorsi alle sanzioni dovranno essere indirizzati in forma scritta al Direttore d’Esercizio di MOVIBUS entro 30 giorni dalla notifica.

Si evidenzia che l’articolo 46 della Legge RL 04.04.2012 n.6 prevede che in caso di reiterazione della violazione entro tre anni, la sanzione è raddoppiata; ne consegue che, se all’esito delle verifiche, risulta la recidività, al trasgressore sarà notificato l’importo previsto ai sensi e per gli effetti di quanto precede.

Salva l’eventuale responsabilità penale, i beneficiari delle agevolazioni regionali previste all’articolo 45 della Legge RL 04.04.2012 n.6, sono puniti con la sanzione pecuniaria da 500,00€ a 1.000,00€ nel caso di accertamento del mancato possesso di uno o più dei requisiti per il riconoscimento del beneficio.

La sanzione può esser saldata attraverso i seguenti modi:

  • a mezzo bollettino sul conto corrente postale n.92084292 intestato a Movibus srl – Via Roma, 75 – 20028 San Vittore Olona (MI)
  • riportando nello spazio della causale il numero e la data del verbale;- direttamente presso la sede Movibus srl – Via Roma, 75 – 20028 San Vittore Olona (MI);
  • direttamente al verificatore, che indica sul verbale l’avvenuto pagamento.

Disposizioni per l’annullamento della sanzione per l’utente in possesso di abbonamento:

La Legge Regione Lombardia del 04.04.2012 n° 6 articolo 46 integrata dalla Legge Regione Lombardia 10.12.2013 n.18, dispone che “qualora l’utente sia sanzionato per mancato possesso di idoneo e valido titolo di viaggio, la sanzione deve essere annullata da parte dell’azienda di trasporto se l’utente dimostra, entro cinque giorni dalla data della sanzione, il possesso di un abbonamento in corso di validità al momento della sanzione”. Per effetto di quanto precede, qualora un utente sia sprovvisto del proprio abbonamento in corso di validità all’atto dell’accertamento, per ottenere l’archiviazione della sanzione, il medesimo deve recarsi presso uno degli uffici negli orari sotto indicati, entro 5 giorni dalla data di emissione della sanzione, munito dell’abbonamento e della relativa tessera di riconoscimento in originale. L’archiviazione della sanzione, previa verifica della regolarità della documentazione presentata, sarà subordinata al pagamento di euro 15,00 quale contributo delle spese amministrative.

Scritti difensivi

  • Avverso la sanzione amministrativa è possibile presentare scritti difensivi e documenti entro 30 giorni dalla data del verbale o dell’eventuale notifica, indirizzandoli alla Direzione di Movibus srl – Via Roma, 75 – 20028 San Vittore Olona (MI), in uno dei seguenti modi:
  • per posta ordinaria all’indirizzo sopra indicato;
  • per e-mail all’indirizzo info@movibus.it
  • per PEC movibus@pec.it
  • per fax al n.0331.511766 (solo se non devono essere allegate copie dei documenti di viaggio)

Gli scritti difensivi dovranno comprendere:

  • nome e cognome, indirizzo del sanzionato
  • nome e cognome, indirizzo del responsabile, nel caso di minorenni
  • numero e data del verbale
  • causale della sanzione
  • giustificazioni per cui si richiede l’archiviazione della sanzione
  • eventuale documentazione da allegare
  • firma

All’esito dell’esame degli scritti e della documentazione presentata, la Direzione emette apposita Ordinanza.

Uffici dove recarsi per la dimostrazione del possesso dell’abbonamento:

  • 20028 SAN VITTORE OLONA via Roma 75, da lunedì a venerdì feriale dalle ore 09.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00

Salita e Discesa:

la salita e la discesa dagli autobus può avvenire esclusivamente in corrispondenza delle fermate autorizzate e rispettando le indicazioni di salita e discesa: tutte le fermate sono a richiesta ed il viaggiatore deve segnalare per tempo l’intenzione di salire o scendere. Non è consentita la salita sull’autobus se è già stato raggiunto il numero complessivo massimo di viaggiatori previsto dalla carta di circolazione del veicolo.

Uso delle cinture di sicurezza:

è fatto obbligo ai passeggeri, tranne nelle zone urbane e quando è consentito il trasporto in piedi, di allacciare le cinture di sicurezza in caso il bus ne sia dotato, pena le sanzioni di legge (Direttiva 2003/20/CE).

Divieti sistematici

è fatto divieto al passeggero di:

  • fumare, vedi legge n° 587/75 e successive modificazioni
  • occupare più di un posto ed ingombrare i passaggi senza motivo
  • esercitare attività pubblicitaria, commerciale o simili
  • insudiciare, guastare e manomettere parte delle vetture
  • fare un uso improprio del segnale di richiesta fermata o del comando d’emergenza d’apertura delle porte
  • gettare oggetti dall’autobus o sporgersi
  • accedere al mezzo se si trovi in stato di ebbrezza, che offenda la decenza pubblica o che dia distrurbo agli altri viaggiatori
  • parlare al conducente e distrarre comunque il personale di servizio dalle sue mansioni

Bambini a bordo: ogni passeggero può far viaggiare con sé gratuitamente un solo bambino di altezza fino ad 1 metro e un passeggino piegato.

Animali a bordo: Ogni passeggero può portare con sé un animale domestico di piccola taglia in modo che sia inoffensivo solo acquistando un ulteriore documento di viaggio. I cani guida sono ammessi gratuitamente sui bus.

Trasporto bagagli: ogni passeggero può trasportare gratuitamente un solo bagaglio, purché il lato maggiore non sia superiore a cm 50 (in deroga borse della spesa, passeggino piegato, strumenti musicali e cartelle porta disegni purché il lato maggiore non ecceda i 105 cm). Occorre acquistare un ulteriore biglietto (biglietto collo nel SITAM) per bagagli di dimensione superiore fino ad un massimo di 90 cm per il lato maggiore (in deroga un paio di sci con racchette, un fascio di canne da pesca, una sacca da golf e attrezzi da scherma in apposita custodia, fucili da caccia in apposita custodia). Inoltre non è ammesso il trasporto di colli contenenti merci maleodoranti, pericolose, nocive o infiammabili. Ogni passeggero deve custodire i propri bagagli o sistemarli negli eventuali alloggiamenti. L’azienda risponde della perdita e delle avarie al bagaglio dei viaggiatori solamente se determinate da cause ad essa imputabili e comunque nei limiti previsti da L. nr 202/54 e L. 450 /85.

Risarcimenti: L’azienda si riserva di rivalersi sul passeggero per eventuali danni causati da bagagli o animali o mancato rispetto delle norme di viaggio.

Oggetti rinvenuti: Gli oggetti rinvenuti a bordo degli autobus o nei locali aziendali aperti al pubblico vengono depositati presso gli sportelli URP aziendali. Gli oggetti rinvenuti, se di irrilevante valore venale, vengono conservati per 1/2 mesi e per il loro ritiro è sufficiente esibire un documento di identità.
Dopo tale periodo ci si attiene alle norme del Codice Civile. Il presente regolamento è emanato in riferimento alle norme contenute nel DPR n° 753/80, nella legge 689/81 e, per le linee amministrate dalla Regione Lombardia, nelle Leggi Regionali n° 20/77, n° 73/82, n° 44/89 e n° 22/98 e successive modifiche.